ASSOCIAZIONE ITALIANA RICERCHE SULLA PLASTICITA’ TESSUTALE Obesità e Cellulite: Lipectomie Segmentali in Anestesia Locale Corso di Perfezionamento AIRPT - Tecniche di Chirurgia Mininvasiva ISCRIZIONE AI CORSI AIRPT ANTIAGING-ANTICANCEROGENESI

Obesità e Lipodistrofie TECNICHE DOLCI

Lipectomie Segmentali in Anestesia Locale

Corso di Perfezionamento AIRPT - Tecniche di Chirurgia Mininvasiva

Parole chiave: Ipertrofia del pannicolo adiposo sottocutaneo – Obesità – Tecniche Dolci - Antropometria - Liposcultura - Morfodinamica - Anestesia - Addominoplastica - Impianti - Lipoinnesto.


Copyright Centro Ricerche sulla Plasticità Tessutale © 2016


La lipoexeresi consiste nell'asportazione del grasso sottocutaneo senza mettere allo scoperto il tessuto con incisioni chirurgiche.

Una ricerca senza sosta è tesa a miniaturizzare lo strumentario, ridurre la perdita ematica, circoscrivere l'anestesia alla zona da trattare, riutilizzare il collagene e il grasso, al fine di correggere i più lievi difetti della silhouette. I criteri di sicurezza sono codificati e l'efficacia della metodica è dimostrata in tutti i gradi di cellulite e obesità.


Grazie all'anestesia locale, il paziente sveglio collabora con il chirurgo, assumendo le varie posture utili alla definizione delle aree suscettibili di correzione.


Il grasso è aspirato con aghi da 2, 3, 4 mm. e i tralci fibrosi, responsabili della retrazione del derma e dunque dell'aspetto a buccia d'arancia della pelle, sono liberati con ritidotomi. Il grasso estratto è quindi filtrato e iniettato nelle irregolarità cutanee residue. 



MATERIALI E METODO 

La tecnica di lipomodellamento riproduce le manovre dello scultore che plasma materia morbida e duttile per dar forma al suo modello ideale. Le aree ipertrofiche e le scabrosità cutanee sono demarcate. 


CRYOCAPS, poste a circa 5 cm. di distanza, producono in venti secondi anestesia topica, completata con pompa da infusione. 

a) Lipoexeresi: sono utilizzate cannule da 2-4 mm. di diametro.  La siringa d'acciaio, ideata nei laboratori AIRPT, permette di regolare la pressione del vuoto in accordo con la tecnica prescelta e la sede anatomica, offrendo un'assoluta stabilità rispetto agli assemblaggi non incamiciati. Altro vantaggio è rappresentato dalla rapidità della carica. 

b) Ritidolisi: ritidotomi, con punte di foggia differente, sono usati per la lisi delle rughe facciali e per il modellamento dei solchi corporei. 

c) Lipoinnesto: Siringhe a vite, brevetto dei nostri laboratori, evitano la possibile iniezione endo-vasale e permettono un dosaggio molto preciso degli AUTOINNESTI.

In sedi prive di peduncoli vascolari usiamo siringhe a pistola o monouso. 

TECNICA CHIRURGICA 

a) Lipomodellamento profondo: Le cannule, con diametro di 2 - 4 mm. creano tunnel intersecanti (rete tridimensinale). 

b) Lipomodellamento superficiale e dissezione dei tralci fibrosi: grazie all’anestesia locale, il paziente può assumere la posizione ortostatica, che mette in evidenza asimmetrie non valutabili in clinostatismo. 


La ritidolisi, oltre a correggere le deformità a buccia d'arancia, stimola la neo-produzione di connettivo, favorendo l'ancoraggio dei piani superficiali.


REGIONI ANATOMICHE 


Faccia: Negli interventi di lipomodellamento facciale utilizziamo una tecnica antigravitaria. Trasferiamo, cioè, il grasso ptosico cervicale nelle zone atrofiche e sotto le rughe del viso, ottenendo in un unico tempo la normalizzazione dell'angolo cervico-mentoniero, lo snellimento cervicale, la ripresa del tono zigomatico e la risoluzione delle rughe d'espressione. 

Il grasso è lavato e iniettato sotto le rughe frontali, nasolabiali, in regione zigomatica e glabellare con le siringhe a vite. 


Arti Superiori: La sede più di frequente sottoposta a lipomodellamento è la brachiale latero-mediale. 


Addome: Da tre micro-incisioni, due inguinali ed una nascosta nell'ombelico, si raggiungono tutti i quadranti addominali. Vasti grembiuli di adipe sottocutaneo regrediscono RAPIDAMENTE con IL MODELLAMENTO SEGMENTALE in anestesia locale. 


Mammella, Torace e Regione Lombare: il MODELLAMENTO SEGMENTALE è una metodica complementare negli interventi di plastica correttiva della mammella, del torace, della regione lombare e dei fianchi. 


Arti inferiori e Regione femoro-gluteo-iliaca: la delicatezza delle manovre chirurgiche a cielo coperto assume piena evidenza in questa sede ricca di peduncoli neuro-vascolari molto superficiali. 

Il MODELLAMENTO SEGMENTALE è la tecnica elettiva per la correzione delle deformità del pannicolo adiposo peri-rotuleo. 



Dalla semplice exeresi (suzione/aspirazione), si è passati a un'applicazione tridimensionale e SEGMENTALE del Lipomodellamento, che permette la correzione di ogni grado di obesità e lipodistrofia, agendo in stadi successivi, senza i rischi delle metodiche bariatriche e delle tecniche di dermolipectomia in anestesia generale.


I vantaggi del LIPOMODELLAMENTO SEGMENTALE in anestesia locale: 

1) La perdita ematica è contenuta e il rischio di shock emorragico annullato. 

2) L'effetto analgesico, OTTENUTO RAPIDAMENTE GRAZIE ALLE CRYOCAPS, non richiede la sedazione del paziente. 

3) Non sono utilizzati né i drenaggi, né il catetere vescicale. 

4) Il paziente è sveglio e collaborante. 

5) La dimissione avviene durante la giornata. 


CORSO D’AGGIORNAMENTO AIRPT 

Giovedì 20 ottobre 2016